Connect with us

Published

on


Mentre la Virginia spinge nella direzione di uno dei più formidabili obiettivi di stoccaggio dell’energia degli Stati Uniti, sono state introdotte online iniziative pilota per lo stoccaggio di batterie dalla più grande utility statale di proprietà degli investitori (IOU).

Nel momento in cui è passata alla legislazione nel 2020, l’obiettivo della Virginia di schierarsi 3,1 GW di accumulo di energia sulla rete entro il 2035 era la più importante della sua forma all’interno della nazione, orientata a facilitare il 100% di energia elettrica senza emissioni all’interno dello stato entro il 2050.

Sebbene da allora l’obiettivo sia stato superato dal governatore di New York Kathy Hochul, raddoppiando l’obiettivo di 3 GW entro il 2030 per quello stato a 6 GW, l’obiettivo della Virginia rimane comodamente sul traguardo migliore degli obiettivi e degli obiettivi fissati nei 10 stati degli Stati Uniti fino ad ora per averli adottati .

Le utility della Virginia sono state incaricate di spedire quel rollout, con il stato che stabilisce varie regole e quadri per consentirlo all’inizio del 2021. In qualità di più importante utility di proprietà degli investitori (IOU) operante all’interno dello stato, Dominion Energy deve mettere in servizio 2.700 MW di quei 3,1 GW completi entro il centro del decennio successivo.

Nel 2019, poco prima della fissazione dell’obiettivo, Dominion aveva dichiarato di poterlo fare costruire progetti pilota di sistemi di accumulo di energia della batteria (BESS) per un totale di 16 MW di potenza. Il progetto pilota è stato abilitato da una precedente legge, il Grid Transformation and Safety Act del 2018, che ha consentito all’utility di investire fino a 30 MW di BESS.

L’approvazione per queste iniziative da parte del canone di Stato per le aziende è arrivata solo pochi mesi dopo.

Al momento, a febbraio 2020, Dominion Energy Virginia ha dichiarato di voler commissionare i quattro progetti entro il primo trimestre del 2021, tuttavia, dopo tutto, la pandemia di COVID-19 è stata dichiarata poco dopo. Dominion ha dichiarato che i piloti avrebbero un prezzo totale di 33 milioni di dollari.

L’ultima settimana, Dominion Energy Virginia ha annunciato che la più grande tra le sue iniziative pilota è stata semplicemente commissionata.

Le iniziative della Virginia controllano funzioni e configurazioni completamente diverse

Contiene tre BESS funzionanti in modo indipendente sullo stesso sito Web, inclusa un’uscita fino a 12 MW. In risposta alla società di energia rinnovabile e di stoccaggio di energia RES, che ha consegnato l’impegno per Dominion, la capacità di stoccaggio delle tre tecniche miste è di 48 MWh.

Il pilota Scott Battery Energy Storage System di RES è abbinato a Scott {Solar}, un attuale impianto fotovoltaico {solare} nella contea di Powhatan in Virginia.

Consiste in un BESS accoppiato in corrente alternata da 10 MW/40 MWh (periodo di quattro ore) per aiutare Dominion a abbinare il carico di punta con il picco di produzione, ovvero immagazzinare l’energia per quando è più richiesta dalla rete.

Il sistema accoppiato in corrente alternata utilizza celle della batteria CATL, il sistema di conversione dell’energia (PCS) Dynapower e diversi componenti elettronici energetici con il controller del sistema di gestione dell’energia personale (EMS) di RES, RESolve.

I due BESS opposti dell’impresa Scott sono accoppiati in c.c., ognuno in ciascuno di 1 MW/4 MWh che mostrano la flessibilità della configurazione accoppiata in c.c. per sequestrare l’energia elettrica generata sul picco di produzione dell’impianto di energia {solare}, che è in qualsiasi altro caso fuori luogo.

Mentre i fornitori di batterie e PCS non sono stati divulgati da RES per le 2 tecniche più piccole, l’azienda ha affermato di integrare il know-how accoppiato in CC negli attuali inverter dell’impianto {solare}, utilizzando uno sviluppatore di risposte personalizzato da RES, EVS e ConnectPV.

John Rhode, CEO di RES Americas, ha dichiarato che l’impresa di Scott “apre la strada alla quale iniziative di stoccaggio di energia extra volevano aiutare un futuro senza emissioni di carbonio”, definendolo una pietra miliare per ogni RES e Dominion in Virginia.

Dominion noto che, insieme all’impresa di Scott {Solar}, il portafoglio dell’impresa pilota consiste in due siti Web aggiuntivi: ciascuno è costituito da installazioni BESS da 2 MW/2 MWh nei siti Web delle sottostazioni.

Uno è all’interno della città di Ashland, nella contea di Hanover, e può dimostrare che il know-how BESS può essere utilizzato per rafforzare la rete attuale e consentire a Dominion di continuare a servire i clienti in un’area di crescente domanda senza dover realizzare costose infrastrutture di trasmissione e distribuzione (T&D) aggiornamenti.

Il caso d’uso è quello che è stato definito l’applicazione di batterie come “non cavi vari” a questi aggiornamenti. L’impresa della contea di Hannover dovrebbe tornare in linea entro la fine dell’anno.

L’opposto BESS da 2MW è già in linea da febbraio in una sottostazione nella contea di New Kent in Virginia. Associato a un impianto fotovoltaico {solare} da 20 MW, il sistema serve a mostrare come le batterie aiuteranno a gestire la tensione e i punti di carico che potrebbero essere attribuibili al movimento di energia inversa.

Dominio famoso che a marzo il Approvata anche la Virginia State Corporation Commission Dry Bridge, un’impresa BESS da 20 MW nella contea di Chesterfield e un’impresa BESS da 50 MW abbinata a un fotovoltaico {solar} da 100 MW presso l’aeroporto mondiale di Dulles, nella contea di Loudoun insieme a progetti fotovoltaici su scala industriale e distribuiti per un totale di circa 1 GW.



Source link

Continue Reading

Ultime notizie

L’ultima centrale nucleare della California potrebbe funzionare più a lungo – L’ultima nel settore dell’energia solare | Energia pulita

Published

on

California's last nuke plant might run longer


Questa storia è una collaborazione tra La frontiera e Cronaca sul marciapiede reso possibile da una sovvenzione dell’Oklahoma Media Heart finanziata dalla Native American Journalists Affiliation.


Amanda Le ha fatto il possibile per mantenere i suoi due figli più piccoli distratti mentre alloggiavano in un motel pagato con la riduzione dell’alloggio per il coronavirus in seguito a un trasferimento affrettato da una casa con gravi danni causati dall’acqua lo scorso anno.

Le ha passato settimane cercando di trovare una nuova casa economica con spazio per i suoi figli che si accontentassero del suo buono abitativo di emergenza Parte 8. Quando ha scoperto una casa con tre camere da letto all’inizio di luglio 2021, è saltata a pagare $ 525 per coprire metà del deposito in modo che il proprietario mantenesse la proprietà. Un’organizzazione no profit dell’area ha accettato di pagare il resto.

Tuttavia, quando ha conosciuto come la società di servizi pubblici OG&E per attivare il servizio elettrico a seguito di un’ispezione dell’Autorità per l’edilizia abitativa dell’Oklahoma Metropolis, ha scoperto che il deposito delle utenze avrebbe un valore di $ 440. Le ha detto che OG&E l’ha informata che voleva la quantità totale per attivare la struttura. Senza energia elettrica, la casa non sposterebbe l’ispezione, richiesta per l’aiuto abitativo della Parte 8. Le temeva che non sarebbe stata in grado di trasferirsi.

“In realtà non sapevo cosa dire. Ero un po’ senza parole e avevo bisogno di riprendere fiato per un secondo”, ha detto Le. “Sono dei soldi enormi.”

Il pagamento di ingenti depositi di utilità pubblica è solitamente un ostacolo all’alloggio, affermano i fornitori di servizi sociali. Una crescente varietà di abitanti dell’Oklahoma ha bisogno di assistenza per pagare i pagamenti delle utenze dopo la pandemia e mentre deve affrontare un’inflazione eccessiva. L’Oklahoma Company Fee, che regola le utenze, consente alle aziende richiedere ai potenziali clienti con un passato storico di interruzioni del servizio per mancato pagamento o più di due fondi in ritardo in un anno per pagare un deposito. Un rapporto federale attuale ha scoperto che tali polizze assicurative possono punire le persone povere che già lottano per pagare i pagamenti mensili.

UN Rapporto novembre 2021 parzialmente finanziato dal Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti scoperto che la maggior parte degli stati consente alle società di servizi pubblici di richiedere “depositi di sicurezza onerosi” che potrebbero essere incessantemente pari a due o più pagamenti mensili comuni.

“Per le famiglie a basso reddito, questo fabbisogno di denaro anticipato può fungere da ostacolo alla creazione di servizi”, ha scoperto il rapporto. “Centinaia di migliaia di famiglie statunitensi non hanno i guadagni e i risparmi finanziari per pagare i requisiti fondamentali”.

John Howat, un analista energetico senior presso il Nationwide Client Regulation Heart, e uno dei molti autori del rapporto, ha affermato che è un problema di copertura pubblica quando le persone combattono per ottenere o mantenere l’accesso ai fornitori di servizi pubblici.

“È straordinariamente ingiusto per le persone che stanno vivendo la povertà o sono sul punto di farlo”, ha detto Howat. “Il deposito è spesso deciso dalla misura in cui una famiglia è in ritardo nel pagamento di una fattura. E la gente è probabilmente in ritardo per la maggior parte della metà perché non si permetteranno di pagare tutti i requisiti alla fine del mese.

In tutto lo stato, le chiamate alla linea di assistenza 2-1-1 dell’Oklahoma per l’assistenza ai servizi di pubblica utilità sono aumentate durante la pandemia nel 2020 e da allora sono rimaste elevate, in linea con HeartLine Inc., che gestisce questo sistema. Tra gennaio e maggio del 2022, 2-1-1 ha effettuato una media di 3.524 referral ogni mese per ottenere assistenza individuale.

Commissione aziendale dell’Oklahoma regole consentire alle utenze elettriche regolamentate di costare un deposito se un individuo non è stato un acquirente residenziale per 12 mesi consecutivi negli ultimi 18 mesi, se ha guadagnato più di due fondi in ritardo in un anno, se ha avuto il servizio minimizzare off per mancato pagamento o nel caso in cui abbiano rimbalzato un esame.

OG&E, insieme a un minimo di 5 diverse utenze elettriche e di benzina in Oklahoma, calcolano prezzi di deposito fino a un sesto della fattura annuale stimata dall’acquirente, in linea con le polizze assicurative La frontiera ottenuto dalla Commissione Aziendale. Al di sotto della copertura di OG&E, se un individuo entra in una casa dove il precedente inquilino ha utilizzato una notevole quantità di energia elettrica, il valore del deposito del nuovo inquilino replicherebbe l’utilizzo precedente. Una portavoce di OG&E ha affermato che l’uso storico e il consumo di energia sono i metodi perfetti che hanno per scoprire il potenziale utilizzo di energia imminente in una proprietà.

Le leggi statali affermano che le utility potrebbero consentire ai potenziali clienti di pagare a rate, ma sicuramente non è un requisito.

OG&E, la più grande società di servizi elettrici all’interno dello stato al servizio di 820.000 abitanti dell’Oklahoma, e un minimo di due diverse società di servizi pubblici potrebbero anche basare le quantità di deposito sul punteggio di credito storico di un acquirente. Il motivo più alto per i potenziali clienti per pagare depositi a OG&E è dovuto a uno scarso punteggio di credito oa una scarsità di punteggio di credito, in linea con la società. OG&E ha affermato di non rivelare la varietà di potenziali clienti al momento dietro ai loro pagamenti.

PSO, la seconda più grande utility dello stato, consente ai potenziali clienti di pagare depositi con un piano a rate brevi, tuttavia OG&E richiede il denaro in anticipo.

Le aziende potrebbero rinunciare alla necessità di deposito per gli avventori con un adeguato costo storico, in linea con alcune polizze assicurative delle società, che sono autorizzate dal Company Fee.

Dana Murphy è presidente dell’Oklahoma Company Fee e un Oklahoma di quinta generazione. Nathan Poppe/Curbside Chronicle, La frontiera

Dana Murphy, presidente della Company Fee, composta da tre membri, ha affermato che la società ha l’obbligo di uniformare i desideri dei clienti con i desideri delle società di servizi.

“Credo (i depositi sono) un peso. Credo che la domanda sia, è ingiusto?” lei ha menzionato. “Come risultato, nel caso in cui tu abbia una grande percentuale di coloro che non fanno i loro fondi, dopodiché tutte le prospettive opposte devono condividere quel valore, è vero per tutte le altre persone? Quindi credo che l’equità non possa essere verificata da una prospettiva”.

Sommer Brown, direttore delle operazioni di acquirente di servizi di pubblica utilità per OG&E, ha affermato che la società dà la priorità ai piani di costo quando è fattibile per i pagamenti mensili. Un piccolo gruppo di fornitori di servizi sociali lavora con potenziali clienti con difficoltà finanziarie per cercare organizzazioni non profit che aiutino con i costi. L’equipaggio può segnalare le persone per altri programmi per ridurre i pagamenti mensili attraverso il risparmio energetico.

“Sappiamo tutti che abbiamo potenziali clienti che si trovano in una situazione monetaria problematica, e quindi abbiamo queste partnership con queste aziende per aiutarli a pagare i loro pagamenti”, ha detto Brown. “Stiamo esaminando tutte le nostre polizze assicurative di fatturazione per vedere dove possiamo apportare modifiche e cosa stanno facendo i diversi servizi pubblici e le diverse società in merito ai loro depositi e alle modalità di pagamento”.

La frontiera ha chiesto a OG&E quanti soldi ha speso l’anno scorso per coprire i potenziali clienti che non hanno pagato i pagamenti delle utenze, ma l’azienda non ha risposto. OG&E ha registrato un guadagno web di $ 360 milioni nel 2021, in linea con a comunicato stampa.

L’Oklahoma ha tra le energie meno costose all’interno della nazione, in linea con dati della US Energy Information Administrationtuttavia lo stato ha inoltre una tassa sulla povertà maggiore di circa il 3% rispetto al comune nazionale, secondo l’US Census Bureau.

Gli inquilini possono inoltre essere sfrattati per aver violato le frasi di un contratto di locazione dopo un’interruzione del servizio per mancato pagamento o se non sono in grado di pagare un deposito di utilità.

“È un problema 22”, ha affermato Carly Akard, direttore delle comunicazioni di Catholic Charities dell’arcidiocesi di Oklahoma Metropolis. “Di conseguenza si tratta di società di servizi pubblici che potrebbero gestire un’impresa, ma allo stesso tempo non è necessario punire i poveri”.

Risparmiare denaro sufficiente per coprire il deposito elettrico di $ 440 avrebbe richiesto a Le più di un mese, ha detto. Con un alloggio economico fornito per breve tempo a Oklahoma Metropolis, Le sapeva che la casa sarebbe stata probabilmente presa rapidamente se non avesse potuto pagare. Aveva già pagato metà del deposito di affitto della casa e i suoi fondi per rimanere all’interno del lodge erano andati a buon fine.

Amanda Le, residente in Oklahoma Metropolis, si è trovata di fronte a un deposito di 440 dollari. Ha detto che potrebbe volerci almeno un mese per evitare di sprecare così tanti soldi. Nathan Poppe/Curbside Chronicle, La frontiera

Riceve del denaro da una divisione delle aziende umane dell’Oklahoma programma chiamato LIHEAP, il Low Earnings House Energy Help Program, che aiuta oltre 182.000 abitanti dell’Oklahoma a pagare i loro pagamenti elettrici. Tuttavia, questo sistema e le diverse scelte di aiuto di utilità a volte non aiutano a pagare i depositi. Anche quando lo ha fatto, le soglie di guadagno per qualificarsi per LIHEAP sono bassi e non coglierebbe la varietà di abitanti dell’Oklahoma che probabilmente hanno bisogno di assistenza.

L’aiuto di utilità è tra i principali desideri degli Oklahomasi, tuttavia al di fuori delle metropolitane statali, potrebbe essere estenuante cercare un aiuto di utilità sotto qualsiasi aspetto, ha detto Beth Burke, direttrice di 2-1-1 di HeartLine. La maggior parte delle organizzazioni non profit presta attenzione al servizio alle persone che pagano i pagamenti delle utenze correnti piuttosto che i depositi.

In Oklahoma Metropolis, aziende senza scopo di lucro come il Neighborhood Companies Group forniscono pacchetti abitativi nel luogo in cui l’azienda effettua depositi di utilità e fondi per conto degli acquirenti. Stacey Ninness, presidente dell’azienda, sta cercando di aumentare oltre il suo attualmente circa 60 unità togliere i depositi come barriera all’alloggio per le persone in più.

Catholic Charities aiuta le persone a pagare bollette e depositi caso per caso, ma sicuramente non ha i fondi per assistere tutti coloro che lo desiderano, ha detto Akard.

“È terribile mostrare le persone via”, ha detto. “La domanda è maggiore di quanto siamo in grado di sopportare”.

The Homeless Alliance, un’organizzazione no-profit di Oklahoma Metropolis, ha aiutato Le a pagare il suo deposito di $ 440 OG&E in modo che la casa potesse spostare l’ispezione e lui o lei potesse trasferirsi. Le ha detto di essersi sentita fortunata ad aver avuto l’aiuto mentre guardava i suoi ragazzi andare a cercare le loro nuove stanze , godendosi il travestimento e la ricerca.

“Era un enorme peso fuori”, ha detto.

Negli ultimi due anni, la Homeless Alliance ha pagato più di 200 depositi di elettricità e spese di inizio riparazione per individui che in ogni altro caso non potevano permetterselo. Più di 60 di questi fondi erano stati oltre $ 200, in linea con le informazioni di Homeless Alliance.

Le organizzazioni senza scopo di lucro potrebbero avere accordi con società di servizi pubblici in cui la società può promettere di pagare l’importo del deposito e di trasferire un individuo con l’energia elettrica solo pochi giorni o addirittura settimane prima del pagamento definitivo del deposito, menzionato Meghan Mueller, direttore affiliato della Homeless Alliance. Le persone a volte non possono farlo e dovranno avere la quantità totale in anticipo.

Bollette continuerà ad aumentare man mano che le temperature risulteranno essere più calde attribuibili a cambiamento climaticoe i potenziali clienti OG&E stanno già pagando a aumento del tasso dopo che la società ha raggiunto un accordo di 30 milioni di dollari con le autorità di regolamentazione statali all’inizio di quest’anno. Questo è insieme la bolletta aumenta prospettive paga nei vent’anni successivi per aiutare OG&E a ottenere prezzi migliori dalla tempesta invernale del 2021.

Con l’aumento dei costi, le persone in più potrebbero rimanere indietro con i loro pagamenti o avere il servizio ridotto al minimo a causa del mancato pagamento, ciò significa che potrebbe essere richiesto un deposito per mostrare nuovamente il servizio prima o poi. I clienti dovrebbero inoltre pagare nuovamente i saldi prima del ripristino del servizio.

“È costoso essere poveri”, ha detto Mueller.

The Frontier è una redazione senza scopo di lucro che produce giornalismo senza paura con impressione in Oklahoma. Ulteriori informazioni su www.readfrontier.org.



Source link

Continue Reading

Ultime notizie

La Douglass Township Planning Commission raccomanda di abrogare l’ordinanza sull’energia eolica del 2017 – The Last in Solar Power | Energia pulita

Published

on

Swiss wind park ordered to scale back to protect birds


Percezione dell’immersione:

L’aggiunta di recenti trasporti e la costruzione di masse di elettrificazione come parte di profondi sforzi di decarbonizzazione sposterà la rete a un sistema di picco invernale e richiederà modifiche ai processi di pianificazione, ha affermato l’ISO.

Un profondo stato di decarbonizzazione con una forte penetrazione delle rinnovabili e un enorme carico di elettrificazione finisce nella rete dell’area “trasferendosi a una rete di picco invernale, con ore di affidabilità entro la mattina invernale prima dell’alba insieme alla notte. Poiché le transizioni dell’area, le valutazioni dell’affidabilità dovranno essere eseguite su una base di 12 mesi anziché stagionalmente”, afferma il rapporto.

L’esame è il prodotto di uno sforzo congiunto dell’ISO, degli stati del New England e del New England Energy Pool, spesso noto come Future Grid Initiative, che traccia la strada da seguire per il sistema energetico dell’area principalmente sulla base degli obiettivi meteorologici locali dello stato e linee guida legali.

Nella fase successiva, l’ISO ha affermato che prevede di mettere in difficoltà un trio di appendici entro questi 12 mesi per gestire il prezzo di produzione, i fornitori ausiliari e l’adeguatezza delle risorse utili. Una seconda parte della Future Grid Reliability Research terrà conto della posizione dei mercati all’ingrosso dell’energia elettrica.

Il profondo stato di decarbonizzazione dell’esame consiste nell’aggiunta di 16 GW di eolico offshore, 28 GW di {solare}, 600 GW di metodi di accumulo della batteria e una nuova trasmissione, ed è basato in parte su ipotesi utilizzate nella ricerca sulla tabella di marcia per la decarbonizzazione profonda del Massachusetts del 2050 . In questo stato di cose, il riscaldamento e il trasporto costituiscono rispettivamente il 20% e il 18,6% dell’intero carico dell’ISO.

Uno stato di cose medio di decarbonizzazione, con ipotesi basate principalmente su un esame finanziario del 2020 richiesto da Nationwide Grid, includeva il ritiro di tutti i rimanenti modelli di carbone e un’altra tecnologia a benzina fossile e ha aggiunto 8 GW di eolico offshore, 2 GW di accumulatori di batterie e nuova trasmissione. Ha inoltre ipotizzato che la capacità di {solare} aumenterà a quindici,8 GW e che il riscaldamento e il trasporto rappresentino rispettivamente il 5,8% e il 4,4% del pieno carico.

L’ISO afferma che il suo esame illustra come sia necessaria una vasta gamma di tecnologie per soddisfare in modo affidabile la domanda di energia elettrica. Un modello modificato dello stato di profonda decarbonizzazione utilizzando esclusivamente eolico, {solare} e stoccaggio, richiederebbe 89.900 MW di queste risorse. ISO-NE ha attualmente solo 5.600 MW.

“Questo stato di cose richiederebbe così tanto vento e {solare} da poter affrontare sfide vitali [to] il sistema di trasmissione e richiedono l’ubicazione e lo sviluppo di una quantità smisurata di aree terrestri o offshore per i parchi eolici e {solari} obbligatori”, avverte il rapporto.

La sostituzione di 3.000 MW di modelli dispacciabili, “che potrebbero essere soddisfatte da un bel po’ di scienze applicate probabilmente prive di emissioni”, menzionato nel rapporto, ridurrebbe l’essenziale nuovo vento, {solare} e lo stoccaggio di 17.000 MW, o 19%.

Il rapporto descrive questi modelli come “ipotetici asset dispacciabili privi di emissioni”.

L’esame della griglia del New England “sottolinea l’importanza di assicurarsi che l’affidabilità sia mantenuta”, ha menzionato in una e-mail Dan Dolan, presidente della New England Energy Mills Affiliation. “Il mercato dell’energia elettrica nel New England dovrebbe continuare a essere migliorato [and] incentrato sull’affidabilità e su una solida piattaforma per gli investimenti continui nelle risorse tecnologiche regionali”.

Non investire denaro nella tecnologia significa che “i clienti assorbiranno minacce più grandi e aumenti dei prezzi nel tempo”, ha affermato Dolan.



Source link

Continue Reading

Ultime notizie

I test TECSI mostrano che il telaio del modulo fotovoltaico in acciaio Origami supera l’alluminio: l’ultimo nel settore dell’energia solare | Energia pulita

Published

on

TECSI Tests Show Origami Steel PV Module Frame Outperforms Aluminum


Origami solarecostruttori di un corpo del modulo {solare} in metallo in attesa di brevetto, ha rivelato uno sguardo preliminare ai risultati di TECSI Solare che affermano che il design del corpo in metallo formato a rullo Origami è superiore in termini di efficienza ai telai in alluminio standard.

I test eseguiti presso TECSI {Solar} contrastano un corpo in metallo Origami alto 35 mm con un corpo in alluminio 40 mm in situazioni simili e utilizzando laminati fotovoltaici simili. I telai in metallo sono stati esaminati per la potenza di compressione per assistere le tipiche centinaia di staffe prime, che potrebbero causare l’instabilità del corpo o la rottura del laminato.

Il corpo in metallo Origami ha notevolmente superato il corpo in alluminio più alto in termini di rigidità della parete del corpo, stabilità strutturale e deflessione totale, anche con un carico di 150 psf. Più significativamente, le parti vitali {solari} del laminato fotovoltaico sono state protette molto meglio da possibili lesioni, come convalidato nei controlli di imaging EL ottenuti durante i test.

Quando si valuta l’efficienza del carico meccanico, il corpo in metallo Origami ha superato ancora una volta le prestazioni dei normali telai in alluminio, oltre ad avere la capacità di affrontare un carico di forza fino a 135 psf.

Il corpo in metallo Origami ha mantenuto una rigidità del laminato superiore a quella dell’alluminio, difendendo maggiormente le celle {solari} dalla rottura al di sotto del carico verso il basso. È stato inoltre esaminato per installazioni con staffa superiore e montaggio a bullone, dimostrando la compatibilità con le attuali tecniche di scaffalatura.

Il passaggio dai telai dei moduli in alluminio a quelli in metallo porterebbe grandi vantaggi al business {solare}. I prezzi dei pannelli {Solar} stanno aumentando dopo un lungo periodo di riduzioni, a causa delle lunghe e costose catene di fornitura che combattono l’elevata domanda. Un passaggio ai telai in metallo ridimensionerebbe enormemente, fornendo pericoli di messa a fuoco della catena e aiutando a stabilizzare i costi consentendo la produzione domestica su larga scala. Il metallo riduce inoltre dell’87% le emissioni di gas serra legate alla produzione, sulla base di un rapporto attuale rivelato da Boundless Analysis.

“I telai in metallo sagomato a rullo Origami si sono dimostrati robusti, resistenti e in grado di superare l’efficienza dei tipici telai in alluminio al di sotto delle situazioni reali fissate su binari. I telai hanno svolto un lavoro maggiore nel difendere il laminato dall’inizio e dalla propagazione delle crepe cellulari, che è fondamentale per una produzione energetica affidabile a lungo termine. Il nostro posto di lavoro ha concluso che il corpo metallico Origami è un candidato accettabile da prendere in considerazione per lo scambio di telai di moduli fotovoltaici in alluminio estruso e può presentare un’efficienza notevolmente superiore se progettato correttamente”, afferma Samuel Truthseeker, fondatore e ingegnere principale di TECSI {Solar}.

Origami {Solar} è uno dei finalisti dei concorrenti del DOE American-Made {Solar} Prize, che possono essere assegnati a settembre. L’azienda fa uso di un processo di profilatura in metallo che crea un corpo con pieghe intricate. Il design in attesa di brevetto di Origami, che combina ingegneria rivoluzionaria e informazioni approfondite sulle capacità della formatura a rulli di precisione e utilizzando metallo riciclato a livello nazionale, offre un’efficienza pari o superiore a quella dei telai in alluminio, riducendo i prezzi dei materiali. Questo rivoluzionario corpo del modulo è facilmente realizzabile e può soddisfare o superare tutti i requisiti UL e IEC.



Source link

Continue Reading

Trending