Connect with us

Published

on


19 agosto 2022: il supervisore internazionale dei fondi BlackRock ha dichiarato il 16 agosto che può iniettare 1 miliardo di dollari australiani (700 milioni di dollari) di capitale per assistere il lancio di 1 GW di attività di stoccaggio della batteria in tutta l’Australia, come parte della sua acquisizione di Melbourne con sede sviluppatore di energie rinnovabili Akaysha Energy.

Questo è il finanziamento principale per lo stoccaggio della batteria effettuato dall’impresa di infrastrutture meteorologiche locali di BlackRock, una parte di BlackRock Actual Belongings, all’interno dell’area Asia-Pacifico.

Akaysha sta creando 9 attività BESS nel mercato nazionale dell’energia elettrica in Australia, che secondo Akaysha ridurranno oltre 15 milioni di tonnellate di CO2 uguali emissioni per tutta la durata dei compiti.

I 9 compiti, quando funzionano a pieno regime, aiuteranno ad accelerare lo spiegamento di 4.000 MW extra di fornitura di energia rinnovabile in tutta l’Australia, ha affermato BlackRock.

Charlie Reid (nella foto), co-responsabile delle infrastrutture meteorologiche locali dell’Asia-Pacifico per BlackRock, ha dichiarato: “Dato che le infrastrutture per l’energia rinnovabile continuano a maturare in Australia, sono necessari finanziamenti per lo stoccaggio delle batterie per garantire la resilienza e l’affidabilità della rete, in particolare con il continuo ritiro prima del previsto delle centrali elettriche a carbone.

“Vediamo un grande potenziale di progresso a lungo termine nell’ambito del miglioramento delle capacità di stoccaggio delle batterie di qualità superiore in tutta l’Australia e in diversi mercati dell’Asia-Pacifico”.

Akaysha, fondata nel 2021, ha piani a lungo termine che includono la creazione di programmi BESS aggiuntivi in ​​diversi mercati dell’area, con un “accordo a breve termine con Giappone e Taiwan”.

Collegamento sorgente



Source link

Continue Reading

Ultime notizie

Gli ingegneri intendono dare nuova vita al riciclaggio dell’elettronica, affrontare le carenze della catena di approvvigionamento che colpiscono la difesa nazionale – L’ultima novità nell’energia solare | Energia pulita

Published

on

Engineers plan to bring new life to electronics recycling, address supply chain shortfalls affecting national defense


Il luogo {solare} e l’accumulo con una batteria da 10 kWh possono fornire energia di riserva, in numerose eventualità. Punteggio di credito: Berkeley Lab, CC DI

L’uragano Ian venti catastrofici e le inondazioni sono inclini a fornire interruzioni di energia di lunga durata a enormi elementi della Florida. La tempesta è la più recente di una serie di uragani, caldo eccessivo e occasioni fredde che hanno tolto energia a centinaia di migliaia di persone ultimamente per giorni interi.

In molte aree soggette a disastri e interruzioni, le persone stanno iniziando a chiedersi se investire o meno in programmi solari sul tetto e di accumulo della batteria possono preservare le luci e il lavorando quando il non può.

Quando la rete si interrompe, la maggior parte dei programmi {solari} privi di batteria si spegne anche. Tuttavia, con le batterie, una casa può disconnettersi dalla rete. Ogni giorno, il solare alimenta la casa e fa aumentare il prezzo delle batterie, che forniscono energia durante la notte.

Nostro squadra a Berkeley Laboratorio ha esplorato cosa ci vorrà per le case e gli edifici industriali per viaggiare a lungo di tre giorni o più, con {solare} e batterie.

Quanto può fare {solar} + storage?

Per un nuovo rapportoabbiamo modellato un generico per ogni contea all’interno degli Stati Uniti, testando se un tetto o meno mescolato con una batteria da 10 o 30 kilowattora può alimentare masse vitali, come refrigerazione, illuminazione, servizi web e pompe efficaci; se può andare aggiuntivo e in aggiunta riscaldamento e aria condizionata; o se può anche alimentare un’intera casa.

Per metterlo in prospettiva, la batteria più apprezzata sul mercato, la Tesla Powerwalldispone di poco più di 13 kWh di stoccaggio.

Fondamentalmente, abbiamo scoperto che anche un modesto sistema di {solare} più una batteria può alimentare masse vitali in una casa per giorni alla volta, praticamente ovunque all’interno della nazione.

Tuttavia le nostre mappe mostrano che offrire supporto per il raffreddamento e il calore in genere è un problema, sebbene non insormontabile. Le case all’interno del sud-est e del Pacifico nord-occidentale in genere hanno riscaldatori a resistenza elettrica ad alto consumo di energia, che superano il potenziale di {solare} e stoccaggio durante le interruzioni invernali. Case con pompe di calore rispettose dell’ambiente effettuate più in alto. Il carico dell’aria condizionata estiva può essere pesante nel sud-ovest, il che rende più duraturo soddisfare tutte le esigenze di raffreddamento con {solare} e stoccaggio in un blackout della stagione estiva.

Possono essere utili anche programmi più grandi per il {solare} e la batteria, tuttavia la domanda di montaggio durante le interruzioni dipenderà comunque dal clima, dal livello di rispetto dell’ambiente energetico della casa e dai diversi elementi. Ad esempio, la semplice sostituzione del termostato durante le interruzioni di energia riduce le esigenze di riscaldamento e raffreddamento e consente a {solar} con accumulo di occuparsi dell’energia di riserva a intervalli più lunghi.

La flessibilità all’energia varia ampiamente, basandosi sul tipo di costruzione. I college e i negozi al dettaglio di grandi dimensioni, con un’area del tetto sufficiente per il {solare} rispetto alla costruzione della domanda di energia, se la cavano molto meglio degli edifici a più piani e ad alta intensità energetica come gli ospedali.

Come {solar} avrebbe affrontato 10 disastri precedenti

Abbiamo inoltre verificato 10 occasioni di interruzione del mondo reale dal 2017 al 2020, insieme a uragani, incendi e tempeste, e abbiamo modellato l’efficienza della costruzione per luoghi particolari e i modelli climatici reali durante e dopo le interruzioni.

Abbiamo scoperto che in sette delle interruzioni, la maggior parte delle case sarebbe stata in grado di preservare le masse vitali più il riscaldamento e il raffreddamento utilizzando {solare} con 30 kWh di accumulo, o semplicemente su due Powerwall.

Come avrebbe ottenuto una casa tipica con {solare} e 30 kWh di stoccaggio dopo gli uragani Florence e Harvey. La linea blu del sole rivela i rapidi intervalli di “carico non servito” o carenze nella domanda di energia dell’assemblaggio, proprio dopo le tempeste. Lo stato dei costi rivela che le batterie sono state in una posizione che allunga l’energia solare durante la notte. Punteggio di credito: Berkeley Labs, CC DI

Tuttavia, il clima durante l’interruzione può avere un impatto enorme, in particolare per gli uragani. Dopo Uragano Firenze ha eliminato l’energia nella Carolina del Nord nel 2018, i cieli nuvolosi sono rimasti per 3 giorni, attenuando e persino interrompendo l’output dei pannelli {solari}.

L’uragano Harvey, tuttavia, ha colpito la costa del Texas nell’agosto 2017, tuttavia è passato a innescare lesioni diffuse altrove in Texas. I cieli sopra Corpus Domini si sono schiariti anche perché ci voleva una settimana o un extra per recuperare l’energia. {Solar} e l’accumulo sarebbero stati un enorme aiuto in quel caso, offrendo quasi tutta l’energia necessaria per una tipica casa unifamiliare, non appena il cielo si fosse schiarito.

Allo stesso modo, abbiamo scoperto che {solar} può funzionare efficacemente in occasioni molto meno nuvolose, come le chiusure per la prevenzione degli incendi in California o dopo la tempesta di derecho del 2020 in Iowa.

Anche la fornitura di calore in una casa può essere una questione fondamentale. In un’interruzione di 5-10 giorni a seguito di una tempesta di ghiaccio in Oklahoma nel 2020, abbiamo scoperto che {solare} più una batteria da 30 kWh potrebbero aver fornito praticamente tutta l’energia vitale e il calore desiderati per le case con stufe a combustibile puro o pompe di calore. Tuttavia, le case con riscaldamento a resistenza elettrica sarebbero cadute rapidamente.

In Texas, più della metà delle case lo sono riscaldato con elettricità, principalmente riscaldatori a resistenza. Pompe di calore classificate Energy Star, che garantiscono l’uso di riscaldamento e raffreddamento la metà di elettricità per unità di calore prodotto come riscaldatori a resistenza elettrica e sono inoltre più rispettosi dell’ambiente per il raffreddamento rispetto al comune nuovo condizionatore d’aria. La sostituzione dei vecchi riscaldatori a resistenza con nuove pompe di calore non può solo ottenere risparmi monetari e ridurre i picchi di domanda, ma anche migliorare la resilienza durante le interruzioni.

Nuovi tipi di backup

L’organizzazione del {solare} e lo stoccaggio per fornire energia di riserva in una casa o la costruzione richiede ulteriore lavoro e costa di più: può funzionare solo un Powerwall da $ 12.000 a $ 16.500 per un sistema completo, prima di incentivi e tasse. Questo è tanto quanto un sistema {solare} di buone dimensioni. Tuttavia, una varietà crescente di proprietari sta inserendo ciascuno.

Oltre il 90% delle ultime installazioni {solari} alle Hawaii nel 2021 sono state accoppiate a batterie dopo una modifica del regolamento. Ora queste vegetazione a energia distribuita lo sono aiutare ad alimentare la rete poiché la vegetazione a carbone viene ritirata.

La California ha oltre 1,5 milioni programmi {solari} sul tetto. Una varietà crescente di potenziali clienti sta adattando le batterie ai loro programmi, o includendo nuovi sistemi di accumulo {solare} più accumulo, in parte a causa del ricorso a “interruzioni dell’energia di pubblica sicurezza” per ridurre il pericolo di incendi provocati da sforzi energetici in tutto il clima secco e ventoso giorni.

E stanno emergendo nuovi tipi di energia di riserva, in particolare dalle automobili elettriche. Ford sta collaborando con SunRun per combinare il suo nuovo pick-up elettrico F150 Lightning con {solar} e un caricatore a due vie che potrebbe utilizzare la batteria del camion per dare energia a una casa. Il solito modello del camion è dotato di una batteria da 98 kWh, l’equivalente di più di sette batterie stazionarie Tesla Powerwall.

Energia importante per fornitori vitali

Una stazione del focolare a Porto Rico offre un’idea di cosa possono fare il {solare} e l’immagazzinamento. Dopo l’uragano Maria tagliare la corrente per mesi nel 2017, sull’isola sono stati inseriti oltre 40.000 programmi {solari}, in genere abbinati all’accumulo di batterie. Un tipo di si trova nella stazione del focolare all’interno della città di Guánica, che non era stata in grado di ricevere chiamate di emergenza in precedenti interruzioni.

Quando il vento e le inondazioni dell’uragano Fiona hanno nuovamente esaurito l’energia nella maggior parte di Porto Rico nel settembre 2022, la stazione del focolare funzionava comunque.

“Il sistema {solare} lo è lavorando magnificamente!” Il sergente Luis Saez ha informato Canary Media il giorno dopo che Fiona aveva perso l’energia. “Non abbiamo perso energia per tutto l’uragano”.


Dimentica gli accumulatori e i generatori di gas. I veicoli elettrici stanno alimentando le case quando le utenze si interrompono


Fornito da
La conversazione


Questo testo è stato ripubblicato da La conversazione sotto una licenza Artistic Commons. Impara il articolo originale.La conversazione

Quotazione:
Uragano Ian: Quando la rete dell’impianto si spegne, il {solare} e le batterie possono alimentare la tua casa? (2022, 29 settembre)
recuperato il 29 settembre 2022
da https://techxplore.com/information/2022-09-hurricane-ian-power-grid-solar.html

Questo documento è soggetto a copyright. Al di fuori di qualsiasi onesto trattamento a fini di esame o analisi personale, n
la metà potrebbe anche essere riprodotta senza il permesso scritto. Il materiale contenuto è offerto esclusivamente per le funzioni di dati.





Source link

Continue Reading

Ultime notizie

Energy Dome, Ørsted, in partnership ‘Batteria CO2’ – L’ultima nel settore dell’energia solare | Energia pulita

Published

on

Energy Dome, Ørsted, in ‘CO2 Battery’ partnership


NextEra Energy Assets ha messo in funzione una missione di energia rinnovabile che combina eolico, solare fotovoltaico e accumulo di batterie in Oregon, considerata la principale missione ibrida statunitense del suo genere.

Si è tenuta ieri un’occasione di inaugurazione per l’impianto di energia ibrida, che si trova vicino alla città di Lexington, nella contea di Morrow, in Oregon. Alla celebrazione hanno partecipato leader statali e locali, insieme a rappresentanti di NextEra e del suo associato all’interno della missione, l’utility Portland Normal Electric (PGE).

Conosciuto come Wheatridge Renewable Energy Services, contiene 300 MW di energia eolica, 50 MW di tecnologia fotovoltaica {solare} e un sistema di accumulo di energia a batteria (BESS) da 30 MW con un periodo di quattro ore (120 MWh).

L’accumulo della batteria e l’abbinamento di due scienze applicate all’energia rinnovabile totalmente diverse consente al sistema di distribuire energia per ore extra del giorno e della sera, supportando Gli obiettivi climatici di PGE di ridurre le emissioni di benzina a effetto serra (GHG) di non meno dell’80% entro la fine di questo decennio e di raggiungere emissioni web zero durante le operazioni entro il 2040, oltre a servire i potenziali clienti con energia a emissioni zero.

NextEra possiede 100 MW di tecnologia eolica, mentre una su ciascuna delle sue filiali possiede il resto della proprietà dell’impianto ibrido. Nel frattempo, PGE acquisterà energia dall’array {solare} e dal sistema di batterie nel corso di accordi di acquisto di energia (PPA) di 20 e 30 anni.

Una nuovissima linea di trasmissione è stata costruita per collegare la missione alla rete nativa di tensione eccessiva gestita dalla Bonneville Energy Administration.

Oltre ad essere il principale negli Stati Uniti fino a questo punto, è un esempio raro di una missione rinnovabile ibrida tripla utile a livello globale. Informazioni sull’accumulo di energia ha segnalato solo una manciata di tali iniziative. Gli esempi attuali comprendono una missione in Australia attualmente in fase di sviluppo e un’altra introdotta in Galles, Regno Unito, con aggiornamenti sui progressi entrambi i progetti forniti dai rispettivi sviluppatori a luglio.

A marzo, l’utility statale svedese Vattenfall completato i lavori su Energypark Haringvliet nei Paesi Bassiche combina 22 MW di eolico, 38 MW di {solare} e un sistema di accumulo di energia a batteria da 12 MWh (BESS).

“Penso fermamente che trasferiremo a fonti di energia elettrica pulite al 100% e creeremo posti di lavoro ben retribuiti nelle zone rurali dell’Oregon nello stesso tempo. L’urgenza di mettere in rete iniziative energetiche chiare non potrebbe essere più chiara. Calore eccessivo, incendi, siccità e tempeste invernali: stiamo assistendo all’impatto del cambiamento climatico locale in Oregon, con uno dei maggiori impatti nell’Oregon rurale”, ha menzionato il governatore dello stato Kate Brown della missione Wheatridge.

“Grazie all’amministrazione Biden-Harris, ora abbiamo la possibilità di perseguire il finanziamento federale tramite il Legge sulle infrastrutture bipartisan e il Legge sulla riduzione dell’inflazione creare posti di lavoro energetici chiari in tutto lo stato”.



Source link

Continue Reading

Ultime notizie

Energy Vault e Jupiter Power MOU per 2GWh+ di accumulo della batteria – L’ultima novità nell’energia solare | Energia pulita

Published

on

jupiter power


Oltre alla rivelazione di un obiettivo di distribuzione dell’accumulo di energia, questa settimana il governo federale del Victoria ha introdotto finanziamenti per 2 attività di accumulo di batterie su larga scala.

Come riportato da Informazioni sull’accumulo di energia martedì (27 settembre), le autorità dello stato australiano hanno fissato l’obiettivo di distribuire 6,3 GW di accumulo di energia rapido e di lunga durata entro il 2035, con un obiettivo intermedio di due,6 GW entro il 2030.

L’audace obiettivo è stato accolto favorevolmente dal dottor Bruce Mountain, un economista energetico del Victoria Energy Coverage Center (VEPC), che ha affermato che i caratteri piccoli devono comunque essere elaborati, tuttavia che la definizione di un obiettivo ha significato il riconoscimento da parte del governo del ruolo chiave dello stoccaggio nella transizione energetica.

Nello stesso momento, il premier di stato Daniel Andrews e il ministro dell’energia Lily D’Ambrosio hanno introdotto un pacchetto di finanziamenti di 157 milioni di dollari australiani (102,03 milioni di dollari) per le attività di stoccaggio e rinnovabili all’interno dello stato, insieme a 126 milioni di dollari australiani per le 2 attività della batteria.

Ogni attività è “formazione di griglia”, il che significa che saranno equipaggiati con inverter di qualità superiore che potrebbero presentare inerzia sincrona alla rete, un’operazione vitale per sostenere la stabilità della rete che tradizionalmente è stata fornita dalla massa rotante di sistemi centralizzati su larga scala vegetazione ad energia termica.

Con l’ingresso di ulteriori rinnovabili nel sistema e i combustibili fossili in pensione, c’è un crescente desiderio di produrre ciò che di solito viene chiamato ‘inerzia sintetica’ o ‘inerzia virtuale’ da tecnologie basate su inverteruna cosa le autorità del Commonwealth australiano, tramite l’agenzia nazionale per le energie rinnovabili ARENA, ha anche voluto sostenere. La missione della batteria più famosa dell’Australia, la Hornsdale Energy Reserve, è stata recentemente dotato di inverter avanzati.

119 milioni di dollari australiani per la missione Renewable Energy Zone

Quasi tutti i finanziamenti, AU $ 119 milioni, andranno a un sistema di accumulo di energia della batteria da 125 MW / 250 MWh (BESS) e a una missione di inverter per la formazione di reti all’interno della Murray Renewable Energy Zone dello stato.

È considerata una delle tante zone di energia rinnovabile (REZ) deliberate dagli stati in tutta l’Australia e il denaro proviene da un fondo completo di finanziamento per il prezzo della zona superiore a mezzo miliardo di {dollari}.

Poco dopo l’annuncio del finanziamento, Edify Energy, sviluppatore australiano di energia rinnovabile e investitore di stoccaggio di energia, ha dichiarato di essere stato firmato dall’Australian Energy Market Operator (AEMO) per un contratto System Assist Companies per la manutenzione del BESS.

Conosciuto come Koorangie Energy Storage System (KESS), il sistema di batterie consentirà al REZ di ospitare fino a 300 MW di energia rinnovabile dell’era. Parteciperebbe ai mercati dell’energia e delle società ausiliarie, offrendo inoltre il funzionamento della formazione della rete.

Si prevede che entrerà in attività nel 2025 per una durata deliberata di 25 anni e AEMO ha dichiarato di aver scelto Edify come fornitore di società non di rete dopo un corso di sollecitazione aggressivo iniziato nell’agosto 2021.

AEMO è stata nominata da D’Ambrosio, il cui titolo completo in portafoglio è Ministro dell’Energia, dell’Atmosfera e dei cambiamenti climatici locali, per acquisire società non in rete per 2 diversi compiti REZ.

“Questa competenza all’avanguardia aiuterà i nostri nuovi obiettivi di stoccaggio dell’energia – i più grandi in Australia – e ci aiuterà nella nostra facile transizione verso le energie rinnovabili, facendo risparmiare alle famiglie del Victoria i pagamenti energetici e riducendo le emissioni del nostro stato per le generazioni future”, Lily D’ ha affermato Ambrosio.

Vincitore del Fondo per l’innovazione energetica

Ricevendo un aiuto di 7 milioni di dollari australiani, la missione della batteria su larga scala opposta è un sistema da 100 MW/200 MWh, con i finanziamenti provenienti da un vaso separato delle autorità statali, il Victoria Energy Innovation Fund (EIF).

È stato sviluppato da FRV Australia, la sussidiaria nativa di Fotowatio Renewable Ventures, lo sviluppatore di energie rinnovabili di proprietà di Abdul Latif Jameel Energy dell’Arabia Saudita, insieme a OMERS, un gruppo canadese di finanziamento delle infrastrutture.

Si basa sul portafoglio di FRV Australia di quasi 800 MWp di attività fotovoltaiche {solari} in Australia. La società può anche essere attualmente impegnata in un altro sistema di batterie a rete su scala industriale molto più piccolo, un BESS da 5 MWh situato nella fattoria Dalby {solar} nel Queensland.

Nel 2021, OMERS ha acquistato una partecipazione del 49% in FRV Australia e all’epoca è stato affermato che la pipeline dello sviluppatore di alternative di crescita nell’accumulo di batterie era di circa 1,3 GWh, insieme a circa 2,7 GW cc di sviluppi fotovoltaici e 637 MW cc di vegetazione {solare} entrambi in funzione o in fase di sviluppo.

OMERS detiene inoltre partecipazioni nello sviluppatore statunitense di energie rinnovabili Leeward Energy e nel produttore indiano imparziale di energia (IPP) Azure Energy World.

La missione sarà costruita a Terang, nell’area Barwon South West di Victoria, con alcuni studi sui media in Australia che citano il suo valore completo previsto di 125 milioni di dollari australiani.

È l’unica missione della batteria da vincere all’interno dello stato Fondo per l’innovazione energetica Spherical 2, insieme a due attività di bioenergia e una missione per l’idrogeno rinnovabile con un finanziamento completo di 38,2 milioni di dollari australiani per il 4. Spherical 1 del FEI era limitato all’assistenza per l’energia eolica offshore, tuttavia il secondo era aperto a tutte le scienze applicate che assistono il obiettivo di copertura dello stato zero entro il 2050.

Introdotta la chiusura della centrale a carbone

Nelle informazioni associate, il principale produttore di energia al dettaglio australiano AGL ha dichiarato al momento di aver introdotto in anticipo la data di chiusura della sua centrale a carbone Loy Yang da 2.225 MW fino al 2035 dal 2045.

L’accelerazione di dieci anni per il piano pensionistico è stata accolta favorevolmente dal gruppo di difesa Atmosphere Victoria, ma il gruppo ha affermato che comunque è caduto rapidamente sull’ambizione. Atmosphere Victoria è famosa per il fatto che gli azionisti di AGL avevano votato per intraprendere obiettivi di emissioni che soddisfacessero gli obiettivi dell’accordo di Parigi.

La data di chiusura del 2035 era una sequenza temporale “incoerente” con lo scopo dell’insediamento di limitare il riscaldamento mondiale a 1,5 livelli Celsius, ha affermato il gruppo, chiedendo la chiusura di tutta la vegetazione carbonifera del Victoria entro il 2032, sulla base principalmente di situazioni di transizione energetica modellate da AEMO.

Alla fine del 2021, AGL ha acquistato l’autorità nativa approvazione della pianificazione per mettere un BESS da 200 MW/800 MWh nel sito di Loy Yangche ha una miniera di carbone co-ubicata accanto alla sua centrale energetica.



Source link

Continue Reading

Trending